L’approdo degli ONO su nuove “Colonie”

 

TRACKLIST:
1. Ponente
2. Un uomo che dorme
3. Babilonia
4. Risacca

 

 

Mi occupai degli ONO esattamente un anno fa, quando uscì il loro primo disco “Salsedine“, un biglietto da visita top per accedere al mondo del cantautorato italiano.
La proposta del gruppo savignanese ruotava intorno ad una miscela di suoni analogici rinvigoriti da cavi elettrici collegati al sintonizzatore.. insomma, un progetto che profumava di fresco, di novità.

Il 15 gennaio 2017 è uscito il loro secondo album “Colonie“, composto di sole quattro tracce, attraverso cui gli ONO hanno confermato il loro estro creativo e rafforzato l’incipit rock tra elettronica e chitarre.
Il primo dei quattro episodi è “Ponente“, che fa da ponte tra il vecchio ed il nuovo disco e si palesa all’ascolto scevro dalla voce calda e grattata di Cesare Barbieri: una traccia che segna un confine tra passato e presente, un vento tiepido che si agita sulle rive del Rubicone e diventa musica attraverso le particolari sonorità che contraddistinguono gli ONO.
A seguire, il rock diventa più imponente, correndo su uno spesso tappeto di beat elettronici, in “Un uomo che dorme“, in cui torna la voce a raccontare freneticamente flashback di vita, dall’adolescenza all’età adulta, descrivendo con onestà il passaggio dalla spensieratezza di una giornata estiva trascorsa al mare, all’ansia delle giornate ed al peso dei costanti impegni della vita quotidiana.
Pensieri lampo si concentrano anche in “Babilonia“, scrigno di ulteriori repentine riflessioni che accennano ad una piccola battaglia contro il provincialismo, contro “la favola bella fatta di cassa dritta, bamba ed erba”.
A chiusura “Risacca“, dai toni leggermente più pacati, nonostante la costante intensità dei beat.
Gli alberi crescono se li coltivi ogni giorno“, dicono nell’ultimo episodio dell’album ed è esattamente quello che hanno fatto gli ONO, sono cresciuti, coltivando la loro creatività musicale e rafforzando il loro stile, senza indugiare.
Hanno ancora tanti “passi da camminare“, ma, il tragitto, almeno fino a questo punto, sta sicuramente portando i suoi frutti, perciò.. bravi ragazzi!

 

La copertina è del romagnolo Francesco Farabegoli.

Avatar
About Fiorella Todisco 55 Articles
Classe '92, laureata in giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Ama il diritto, la letteratura, la scrittura, la musica e prova a fare di tutto un po'.