Basta “Malinconia” Piuomenopop Cover Award entra negli anni Zero!

Il meraviglioso affresco decadente e romantico di Mellon Collie and The Infinte Sadness vince la contesa sull’occhio in stile grande fratello dei Cranberries di Bury the Hatchet! Sarà quindi il maestoso doppio album che gli Smashing Pumpkins pubblicarono nel 1995 a rappresentare gli anni ’90 nel Piuomenopop Cover Award.

Creata dall’illustratore americano John Craig attraverso il collage e la sovrapposizione di bozze e schizzi inviati per lo più via fax da Billy Corgan, la copertina rappresenta pienamente lo spirito dell’album, ambizioso e monumentale. L’immagine della donna rappresentata nella copertina di Mellon Collie and the Infinite Sadness è chiaramente ispirata al dipinto di Raffaello, Santa Caterina d’Alessandria e a La Fedeltà del pittore francese Jean-Baptiste Greuze, mentre lo sfondo e la stella, gli altri due elementi del collage che la costituisce sono stati ripresi rispettivamente da una enciclopedia per bambini e da una pubblicità di un Whiskey.

Curiosità: la Mellon Collie del titolo del disco è, come evidente, una donna immaginaria ma quello che forse non sapete è che il nome è un semplice ma efficace gioco di parole sulla parola “Melancholy”.

E dopo questi piccoli ma succosi retroscena eccovi proiettati nel nuovo millennio: cosa aspettate a votare la copertina migliore degli anni zero?

Redazione

di +o- POP