11 settembre: musica per non dimenticare

© Sabrina Pezzoli

 

11 settembre 2001, una data che difficilmente potrà essere dimenticata da chiunque di noi.

Gli attentati alle torri gemelle di New York, il gran numero di vittime, tutto quello che è successo quel giorno, ha cambiato la vita dell’umanità.

È stato l’inizio di un incubo chiamato terrorismo, il dilagare di una crisi mondiale non solo economica ma anche democratica con una diffusione dilagante del razzismo e dell’intolleranza religiosa.

Artisti di tutto il mondo hanno voluto ricordare questa immane tragedia e, tra loro, anche band e cantanti che hanno messo in musica ciò che le loro coscienze sentivano in quel terribile momento.

 

Paul McCartney – Freedom

“This is my right/A right given by God/To live a free life/To live in freedom”

 

Beastie Boys – An Open Letter To New York City

Brooklyn, Bronx, Queens and Staten/From the Battery to the top of Manhattan/Asian, Middle-Eastern and Latin/Black, White, New York you make it happen”

 

Black Eyed Peas-Where is The Love

“And to discriminate only generates hate/And when you hate then you’re bound to get irate/Madness is what you demonstrate/And that’s exactly how hate works and operates”

 

Bruce Springsteen – The Rising

“Come on up for the rising/Come on up, lay your hands in mine/Come on up for the rising/Come on up for the rising tonight ”

 

Evanescence – My Last Breath

“Say goodnight, don’t be afraid/Calling me, calling me, as you fade to black”

 

The Cranberries – New York New York

“I look across these city streets/My heart is numb, it still beats/Nothing to say/There’s nothing to say”

 

Eagles – Hole In The World

“There’s a hole in the world tonight/There’s a cloud of fear and sorrow/There’s a hole in the world tonight/Don’t let there be a hole in the world tomorrow”

 

Foto di copertina © Karen Cucci

Redazione
About Redazione 3200 Articles
di +o- POP