“Cosmic Falls”: il trip mentale di Alberto Melloni

cover

Avvicinarsi a Cosmic Falls non è per nulla facile, bisogna ammetterlo. Il progetto di Alberto Melloni, polistrumentista e produttore di Riccione, con esperienze come chitarrista nei più importanti live club d’Italia e in molti palchi di tutta l’Europa, lo ha portato alla nascita di un disco, “Borealis”, in cui dream pop, elettronica, voci campionate, sequenze, beat a volte ipnotici a volte decisamente insistenti, viaggi interminabili e sogni ad occhi aperti si miscelano in un tourbillon elettronico che seduce e coinvolge.

Ecletticità a parte, il maggior pregio di questo disco va ritrovato nella incredibile capacità di suonare tanto moderno quanto decisamente (e stilosamente) retrò allo stesso tempo, rievocando atmosfere estremamente eighties ma riuscendo ad essere pienamente contemporaneo nella sua essenza.

Tra le 8 tracce che compongono il disco vanno ricordate “A plastic suite”, forse il pezzo più pop del disco, con le sue atmosfere eteree e leggere e la traccia di chiusura “The golden Down”, in cui si dispiega un mantra decisamente ipnotico su un tappeto di beat incessanti e avvolgenti.

La copertina dell’album è stata realizzata da Alberto, da sempre appassionato di grafica; i disegni geometrici, fluorescenti e ipnotici, decisamente accattivanti, riescono sicuramente a catturare l’attenzione e a non passare inosservati. I colori del disco rappresentano bene i colori accesi e magnetici dei brani di Cosmic Falls capaci di accompagnare l’ascoltatore in un lungo trip mentale.

5 Trackbacks / Pingbacks

  1. DMPK Services
  2. colarts Diyala
  3. Aws Alkhazraji the best Engineer X
  4. iraqi geometry
  5. ADME Assays

I commenti sono bloccati.