Le Furie: Il futuro è nella testa

© Sara Mautone
Tracklist
Artisti da fast food
Camerieri
Il mare
Se non avessimo più tempo
Questo nostro continente
Siamo messi male
Confido in te
Cucine finte e telefilm
Caterina
Il futuro è nella testa
“Il futuro è nella testa” (Gelsomina, distribuzione Audioglobe), è la seconda prova discografica de Le Furie, quartetto fiorentino nato nel 2009 che si riavvale della produzione di Taketo Gohara (Capossela, Brunori Sas, Edda) e in aggiunta di Davide Autelitano dei Ministri.
Si tratta di dieci tracce che nei testi fotografano un mondo precario e di insicurezze, in cui è difficile non riconoscersi.
Il disco suona bene, tra pezzi più chitarristici, rock, e ballate ricche di melodie orecchiabili e facili da canticchiare, come ad esempio la traccia numero 3, “Il mare“, singolo uscito a maggio che, a sentirlo, non ci si spiega come mai non abbia spopolato sulle spiagge.
Giovani “cresciuti ascoltando Tenco e Rolling Stones“, hanno qualcosa da dire e lo dicono con parole semplici e dirette nella critica e presa di coscienza dei fenomeni sociali e personali affrontati, cantano di camerieri che non si arrendono alla mediocrità, delle letture di Pasolini, di una canzone di Sergio Endrigo, ecc …
Parole e concetti, storie e citazioni che nel tutt’uno con le note prodotte e il suono degli strumenti, sintetizzato tra le varie attitudini, per così dire d’autore e punk, di Edoardo, Giacomo, Theo ed Irene, vanno a formare un mood accattivante.
“Il futuro è nella testa … è un invito a creare ciò che c’è di buono dentro di noi”.
Registrato tra il Noise Factory di Alessio Camagni e la Cupa di Vinicio Capossela, questo disco, in uscita il 22 settembre, non farà fatica in futuro ad entrare nella testa di chi lo ascolterà.

Foto copertina Sara Mautone

Redazione
About Redazione 3265 Articles
di +o- POP