Una serata Pazzeska a Villa Ada. Myss Keta è passata da Roma con il suo “Paprika tour”

Mercoledì 19 Giugno MYSS KETA live a Roma!

Villa Ada Roma Incontra Il Mondo

MYSS KETA è l’angelo dall’occhiale da sera. E dal volto velato.
La sua identità nascosta è il modo migliore per dire la Verità, perché “non avendo volto, c’è un po’ di M¥SS in ognuno di noi”.
Performer situazionista, rapper dall’attitudine punk, icona pop e diva definitiva, ha esordito nel 2013 con ‘Milano, sushi e coca”.
Da lì in poi, una serie di successi stratosferici come “In gabbia (non ci vado), “Burqa di Gucci”, “Le ragazze di Porta Venezia”, raccolti successivamente nel greatest hits “L’angelo dall’occhiale da sera: col cuore in gola” (2016).
Nell’estate 2017 pubblica per l’etichetta La Tempesta l’EP “Carpaccio ghiacciato”, in cui spicca la collaborazione con Populous, che ha prodotto il singolo “Xananas”.

In questi anni ha infiammato i palchi dei maggiori festival e club di tutta Italia in un tripudio di electro, house, rap, dubstep che sembra generato dal suo stesso corpo, arrivando anche a toccare le capitali europee. Bassi profondi battuti da vertiginosi tacchi a spillo glitterati.
Una vera sacerdotessa della notte pronta ad aizzare le masse di fedeli con il suo verbo dissacrante, eccessivo, radicalmente iperrealista. I suoi live sono esperienze extrasensoriali, i suoi testi la radiografia di una Nazione.

Il 2 febbraio 2019 al Mediolanum Forum, nello show di apertura a Cosmo (musica), ha presentato “Main bitch”, mentre nella simbolica data dell’8 marzo ha rilasciato “Pazzeska” con il featuring di Guè Pequeno. Entrambi i brani hanno anticipato il nuovo piccantissimo progetto, “Paprika” fuori il 29 marzo 2019 per Island/Universal (leggi la recensione). È un album che, a differenza del viaggio notturno nella vita IN CAPSLOCK di una donna esagerata come MYSS KETA, intende mostrare il lato positivo e future-pop della diva velata. Il titolo è chiaramente un omaggio sia ad uno dei titoli più celebri del cinema erotico, “Paprika” di Tinto Brass, sia ad uno dei più famosi capolavori del grande cinema d’animazione giapponese, “Paprika” del maestro Satoshi Kon, mentre l’immagine di copertina è un’altra chiara citazione alla Valeria Marini di Bambola. È uno scintillante caleidoscopio di
situazioni sexy e variopinte, nate dalla mente di Myss Keta, Dario Pigato, RIVA e Simone Rovellini. Un album color rosso ardente e dal sapore forte, fortissimo.

Photostory a cura di Gloria Imbrogno

 

Leggi tutti i nostri articoli su Myss Keta

Avatar
About redazione 1032 Articles
di +o- POP