Nazarin: il nuovo album “1981” in arrivo il 25 giugno

 

“Catania mi chiamava da diverso tempo, il vulcano, l’odore di zagara e gelsomino, il fermento musicale, il barocco con gli oscuri palazzi, l’odore della carne alle fiamme nei quartieri popolari. Decisi di andarci a vivere verso la fine del 2013, contemporaneamente all’uscita de “La Mattanza dei Diavoli”. Fra le date del tour e il vivere quotidiano trovai un lavoro di ripiego e decisi di spostarmi in città a piedi per calpestare e riconoscere le strade, incrociare gli sguardi, travolto dal folclore, dalle ‘vuciate’ della pescheria e della fiera in pieno centro.
Catania mi ha dato le storie, i racconti, le vite in fila alla sorte, le emozioni di uno spettacolo teatrale e i sorrisi al Teatro Coppola, un tavolo preferito al bar dove masticavo storie che subito dopo scagliavo sul taccuino. Catania mi ha donato mio figlio, l’amore più forte che potessi sentire nel sangue e nello stomaco. Un viaggio nel passato a riscoprire le sensazioni di quel che ho vissuto all’età di 6 anni; analisi, ricordi, momenti fotografati e messi in canzoni che vi consegno anche questa volta.
1981, una data, crocevia di due vite dove il tempo è annullato, il figlio si fa padre e il padre rivive il figlio”.
Nazarin

Nazarin è Salvo Ladduca, cantante e chitarrista dei Marlowe, gruppo siciliano dall’anima folk e voce rock, di cui è stato fondatore.
Dopo l’ultimo disco (Marlowe “Fiumedinisi” 2010), tante collaborazioni e svariati opening act (Hugo Race, Luca Madonia, Cesare Basile, Mick Harvey, Mario Venuti, Amaury Cambuzat, Angela Baraldi, Marta Collica, Dead Meadows, Songs for Ulan, etc…), amante del cinema d’autore, ha voluto firmare questa realtà con il titolo di un film di Luis Buñuel “Nazarin” il cui protagonista è un giovane predicatore che incrocia le ombre di una società indolente e degradata. Il legame fra il personaggio del film è in stretto rapporto in qualche modo con i “predicatori” folk americani, vagabondi nudi in giro a raccontare storie con sincera semplicità e determinante eleganza.
Nel 2013 esce per Viceversa Records il suo primo lavoro da solista “La Mattanza dei Diavoli” masterizzato a Chicago da Carl Saff.
Seguono anni di silenzio discografico pieni di concerti, scrittura di nuovi brani, partecipazioni a numerose compilation e tante, tantissime coccole allo splendido, piccolo Elia.

Più che la registrazione di un album, una bellissima avventura umana e artistica nata tra Catania e Milano, germogliata dall’incontro con il produttore Paz De Fina, con un team di amici e musicisti felici di esserci ed emozionarsi insieme, in un momento storico difficilmente dimenticabile. E così tra l’eco di uno strumento iraniano, il pianto felice di una steel guitar, la voce inconfondibile di “Giò” Giovanardi, l’urlo liberatorio del sax di Roberto Romano, nasce dopo sette anni dal predecessore – una infinità – il nuovo disco di Nazarin. Dieci canzoni in cui la vena intimistica di Nazarin, la voglia di esprimere musica per troppo tempo tenuta dentro, si combina con l’apporto multipolare degli artisti coinvolti; una vera esplosione creativa favorita
dall’incontro/scontro tra amici di sempre e nuove collaborazioni nate in studio. Suoni, rumori e ritmiche che a tratti ci riportano indietro negli anni per poi catapultarci nell’oggi di altrove.
Parole cresciute col figlio, tra una ninna nanna e un viaggio nelle campagne sicule, note mutuate da lustri di ascolti, voci di popolo e amore per i Grandi Maestri omaggiati con rispetto e ammirazione; un album controverso come i nostri “strani giorni”.

Parole e Musica: Nazarin
Hanno suonato:
Nazarin: Voce; chitarra ac; chitarra el.
Marcello Caudullo: Chitarra el.
Paz De Fina: Programmazioni; chitarra el; cori.
Mauro Ermanno Giovanardi (voce e cori)
Pierpaolo Latina: Pianoforte; tastiere.
Michele Musarra: Basso; tastiere; theremin.
Max Pontrelli: Pedal steel guitar.
Roberto Romano: Sax; flauto; cori.
Enzo Ruggiero: Basso
Rana Shieh: Kamancheh
Enzo Velotto: Batteria; percussioni.
Mauro Ermanno Giovanardi: voce e cori in “Artaud al Macello”.

Edizioni: Viceversa Records
Produzione artistica: Paz De Fina & The Brotherhood (Paz De Fina, Michele Musarra, Enzo Velotto)
tranne “Aspettando L’Alba” (Michele Musarra)
Ingegnere del suono: Michele Musarra
Registrato a Catania presso Phantasma Recording Studio
Masterizzato da Andrea “Bernie” De Bernardi presso Eleven Mastering
Progetto grafico: Laura D’Agate (Uta Dag)
2021 copyright Viceversa Records

Redazione
About Redazione 3269 Articles
di +o- POP