XIU XIU dalla California per il nuovo disco, questo sabato al Magazzino sul Po – Torino

MAGAZZINO SUL PO

TUM TORINO

presentano

XIU XIU

Jamie Stewart, Angela Seo – oggi affiancati da David Kendrick (Sparks, Devo, Gleaming Spires) – nel release party di Ignore Grief, il devastante, macabro, nuovo album cacofonico uscito su Polyvinyl. 

sabato 30 settembre

Magazzino sul Po – Torino

 

Ignore Grief, il tredicesimo album in studio degli Xiu Xiu, uscito il 3 marzo 2023 su Polyvinyl. Macabro e appropriatamente cacofonico, Ignore Grief è un lavoro cupo, oscuro e deprimente, frutto degli incubi più angoscianti dei suoi tre autori e interpreti: Jamie Stewart, Amheòa Seo e la new entry della formazione californiana, ovvero il batterista David Hendrick (ex membro dei Devo e collaboratore degli Sparks).

Tra i precursori del revival new wave, gli Xiu Xiu hanno forgiato uno stile inconfondibile, dove le percussioni metalliche e l’uso ossessivo dell’elettronica forniscono lo scenario ideale alla paranoica rappresentazione di Jamie Stewart.

L’armamentario di Jamie Stewart e compagni comprende svariate tastiere, chitarre e basso (più rari), ma anche una congerie di sonagli e strumenti, che trovano ogni volta l’occasione di sembrare in contrasto tra loro, in un trionfo espressionista dove l’incontro tra i suoni risulta spesso simile a un dialogo tra sordi; tutto questo deve fornire lo scenario ideale all’affannata e paranoica rappresentazione di Stewart, mattatore assoluto, eppur capace di un dono della misura e del silenzio che evita l’eccesso di sovraesposizione in cui può incorrere una voce come la sua.

Ignore Grief è un disco a metà: Angela Seo canta per la metà dell’album, Jamie Stewart nell’altra metà. La sperimentazione si divide tra industrial e classico. C’è il reale e c’è l’immaginario. Le canzoni vere cercano il peggio della vita, brutalizzano le esperienze oscure e gli accadimenti orrendi. Le canzoni immaginarie sono un’esplorazione astratta del “Teen Tragedy Songs” come punto di partenza per valicare le emozioni travolgenti e condividere il dolore.

Dietro a questo disco ci sono diverse storie, reali e orribili: un bambino costretto dalla madre a prostituirsi, una studentessa delle medie rapita e uccisa, un suicidio scelto come mezzo per fuggire da una vita di lavoro sessuale violento. Lo scopo di questo album è provare a uscire dalla tragedia, cambiare strada. Potrebbe non essere possibile, ma girare semplicemente le spalle sarebbe un ulteriore atto di distruzione.

 

“Ormai avevo perso ogni fiducia in me stesso, dubitavo incommensurabilmente di tutti gli uomini, e avevo abbandonato ogni speranza per le cose di questo mondo, ogni gioia, ogni simpatia, per l’eternità. Questo fu l’incidente veramente decisivo della mia vita. Ero stato ferito in fronte, tra le sopracciglia, una ferita che doveva pulsare di dolore ogni volta che entravo in contatto con un essere umano”. Osamu Dazai

 

INFO

 

Contributo

10 euro online su magazzinosulpo.com

15 euro alla porta

 

Modalità accesso

ingresso riservato ai soci ARCI

 

Indirizzo

Via Murazzi del Po Ferdinando Buscaglione 18 – Murazzi lato sx

 

Orari

Concerto apertura porte ore 21

L’inizio effettivo del live sarà alle 22:30

Informazioni su redazione 3657 articoli
di +o- POP