#MUSICISMYRADAR: A$AP ROCKY + OCTAVIAN, METRONOMY, KAMASI WASHINGTON + MASEGO, DEERHUNTER, THESE NEW PURITANS, EMPRESS OF, NU GUINEA, BLANK BANSHEE

#MUSICISMYRADAR

La rassegna targata RADAR Concerti che ridisegnerà Milano come una giungla urbana

Carroponte_ 17.07_ A$AP ROCKY + OCTAVIAN
Circolo Magnolia_ 21.06_METRONOMY 
Circolo Magnolia_ 16.07_KAMASI WASHINGTON + MASEGO 
Santeria Toscana 31_ 29.05_DEERHUNTER 
Santeria Toscana 31_14.06_THESE NEW PURITANS 
Santeria Toscana 31_ 04.06_EMPRESS OF 
Circolo Magnolia_19.05_NU GUINEA
Santeria Toscana 31_17.05_BLANK BANSHEE 

RADAR Concerti presenta #MUSICISMYRADAR: una rassegna musicale di altissimo livello, artisti unici, per un’estate che ridisegnerà Milano come una vera e propria giungla urbana.

Ecco gli appuntamenti:
 
A$AP ROCKY + Octavian • Carroponte, 17.07
 
A$AP ROCKY è il simbolo della scena hip hop della generazione contemporanea. Dopo due album che hanno debuttato direttamente al #1 della Billboard 200 chart, Long.Live.A$AP e At.Long.Last.A$AP , e dopo più di 4, 5 miliardi di stream in tutto in mondo, TESTING ha rappresentato l’inizio di una vera e propria epoca musicale per Rocky. L’artista ha sperimentato – ancora una volta – suoni e idee creando un personale universo sonoro dove assesta colpi al sistema mainstream, grazie all’utilizzo di sonorità che raramente si sentono nell’hip hop. Special guest OCTAVIAN, già spinto da personalità del calibro di Drake e Pigeons & Planes, (che descrivono il suo primo singolo Party Here come “one of the best introductions to an artist we’ve experienced all year”) e che vanta collaborazioni con il meglio della nuova scena rap e dintorni, da Skepta a Mura Masa a Michael Phantom.
 
METRONOMY • Circolo Magnolia, 21.06

Con oltre 300 milioni di ascolti su Spotify e 150 milioni di views su youtube, iMETRONOMY tornano al loro ventesimo compleanno con una riedizione di Nights Out a dieci anni dalla sua pubblicazione, un doppio vinile che contiene i successi del disco originale ma anche b-sides, remix e preziosi inediti. La top 10 dei migliori album secondo NME per Nights Out, una nomination ai Mercury Prize e i riconoscimenti ottenuti con i successivi The English Riviera, Love Letters e Summer 08 attestano i Metronomy come una delle proposte ancora più fresche e interessanti del nuovo millennio.
 
KAMASI WASHINGTON + MASEGO • Circolo Magnolia, 16.07
 
Rivoluzionario nei concetti, nel suono, nell’attitudine e nel pensiero, KAMASI WASHINGTON torna in Italia dopo l’uscita di Heaven&Earth (Young Turks), due ore e 30 minuti circa che raccontano, in una sorta di mantra onirico tra il perdersi e il ritrovarsi, come “noi siamo simultaneamente i creatori del nostro universo personale e il creato di questo stesso universo”.
 
MASEGO, radici giamaicane trapiantate in una comunità cristiana in Virginia, USA, e un ultimo album, LADY LADY, che ha fatto il giro del mondo. Eccelso polistrumentista, dopo aver imparato a suonare basso, batteria, chitarra, pianoforte e sassofono intraprende un percorso comune a molti artisti della sua generazione, fatto di remix e registrazioni caricate sul Web. A differenza di tanti altri, però, Masego sviluppa fin da subito uno stile unico e originale, che in poco tempo trova codificazione nel termine “Trap House Jazz”.
 
DEERHUNTER • Santeria Toscana 31, 29.05
 
DEERHUNTER presenteranno dal vivo WHY HASN’T EVERYTHING ALREADY DISAPPEARED?, che segna l’ennesima fuga da etichette e catalogazioni: in equilibrio tra sprazzi di quella sperimentazione che da sempre li ha caratterizzati e varie declinazioni dell’indie rock più classico, l’album sorprende per genialità e capacità di reinventare l’approccio della band a scrittura, arrangiamenti e produzione. Il risultato è elettrizzante, inquietante e imprevedibile. 
 
THESE NEW PURITANS • Santeria Toscana 31, 14.06

THESE NEW PURITANS tornano in scena ben sei anni dopo l’uscita dell’intricato e cinematico Field of Reeds. Con una produzione sperimentale e non immediatamente categorizzabile, definita dallo stesso Barnett “very 1970, but also quite 1610, 1950, 1979, 1989, 2005 and 2070”, i These New Puritans, nei loro precedenti tre album, hanno accostato un sound dancehall a strumenti a fiato, percussioni taiko a ritmi veloci. I TNP vantano, inoltre, collaborazioni in ambito musicale altrettanto eterogenee tra loro, come quelle con Graham Sutton, Daniel Askill, Björk, Elisa Rodrigues e André de Ridder.
Il nuovo album, anticipato dall’uscita dai singoli Into The Fire, Inside The Rose e Where The Trees Are On Fire, si cala in un cosmo enigmatico, metafisico e sensuale.
 
EMPRESS OF • Santeria Toscana 31, 04.06

La protagonista indiscussa della nuova scena Future Pop statunitense, meravigliosa musa di Blood Orange, Perfume Genius, Khalid, è tornata dopo  il successo del debutto di ME, inserito da Pitchfork, Noisey, The Line of Best Fit e molti altri tra le uscite più significative del 2015. Il secondo album di US non ha tradito le attese. Registrato in vari angoli del sud della California, il disco proietta le divagazioni interiori di Me, facilitando questa volta un continuo confronto con l’ascoltatore. Un album più aperto: “it’s not just love songs. It’s about different experiences of the heart. I want it to be like a mirror, and [the audience] sees a little bit of themselves in every song”. Dall’isolamento musicale Lorely è passata così a una ricerca di equilibrio con chi vive i suoi brani dall’esterno. La co-produzione di producer e songwriter come Dev Hynes, DJDS, Cole M.G.N.e Pional ha allargato i confini musicali di EMPRESS OF: i brani scivolano tra contaminazioni tropicali, synth angelici e momenti più dinamici.
 
 
NU GUINEA • Circolo Magnolia, 19.05
 
Di base a Berlino, i NU GUINEA, duo composto da Massimo e Lucio, ha saputo incrociare sonorità da dancefloor a contaminazioni multiculturali fino a ottenere un risultato unico, di una “bellezza pura” fatta di coraggio e valorizzazione delle proprie radici. Con Nuova Napoli, definito da critica e pubblico come una delle uscite discografiche più sorprendenti del 2018, i Nu Guinea hanno definito senza dubbio la rinascita del Neapolitan Power, riconnettendosi alla tradizione partenopea degli anni ’70 e ’80: chitarre funky, tastiere spaziali e percussioni afro beat sono gli ingredienti di un mix magnetico e pregno di groove. Un omaggio all’età dell’oro della musica napoletana che si tiene a debita distanza da toni retromaniaci, grazie a una produzione contemporanea e dal sapore internazionale. 
 
BLANK BANSHEE • Santeria Toscana 31, 17.05

BLANK BANSHEE è considerato il pioniere della vaporwave. Dopo il debutto di Blank Banshee 0 e il successivo Blank Banshee 1, capaci di scavalcare i confini virtuali in cui sono nati e di affermarsi come fondamenta sonore della vaporwave era, il producer canadese ha pubblicato MEGA (2016). Un lavoro che percorre ancora una volta binari eterei, a cui si aggiungono influenze trap: i brani ondeggiano tra momenti sognanti e rallentati, interventi elettronici minimal, parentesi ambient e suoni analogici. Il disco ha tracciato il capitolo più recente della carriera di Blank Banshee, oggi vero e proprio portabandiera nello scenario internazionale del genere: la reazione del pubblico è stata entusiasta. 

Avatar
About redazione 1152 Articles
di +o- POP